La conoscenza non finisce mai

Una volta acquisita la conoscenza di base, si deve anche partecipare agli aggiornamenti. Perché la tecnologia in continua evoluzione soprattutto per quanto riguarda i macchinari, spesso rivoluzione le fasi e i tempi da rispettare durante la produzione.

Gli aggiornamenti sono anch’essi obbligatori in quanto le nuove scoperte vanno nella direzione di una sempre maggiore sicurezza della salubrità degli alimenti e dei luoghi di lavoro.

E questo, insieme alla bontà del prodotto, rappresenta sempre un fiore all’occhiello per il titolare dell’azienda nei confronti del consumatore.

Sembra scontato ma, rientrano in questo ambito, anche gli abiti da lavoro e i loro stessi modelli che devono essere confezionati, oltreché con tessuti adatti, anche con linee sartoriali coerenti con il prodotto che si deve manipolare.

Per fare un esempio: uomini dal torace particolarmente villoso, dovranno essere ben protetti dal tessuto in questa parte.

Così come i materiali usati per i piani di lavoro devono poter essere trattati con prodotti igienizzanti, ma che, nel contempo, siano compatibili con i prodotti che nell’ambiente si producono.

La necessità di usare guanti da lavoro, quando e di quale materiale, monouso o riciclabili, insieme ad un ciclico lavaggio delle mani nel passare da una fase all’altra.

Sono tutte cose molto semplici, la cui trascuratezza però, può comportare contaminazioni e quindi danni irreparabili al prodotto commestibile.

Niente che non si possa memorizzare facilmente durante le fasi di lavorazione.